facebook twitter linkedin viadeo
Italiano flagArabo flagInglese flagFrancese flagTedesco flagPortoghese flagRusso flagSpagnolo flag

Categorie

Articoli recenti

Commenti recenti

NAPOLITANO E IL TRICOLORE

Autore: admin - Editoriali - del: 30 settembre 2010

Non so quanto possa appassionare l’opinione pubblica il caso di Adro, ma seppur con qualche sfumatura diversa rispetto a qualche giorno fa, mi sono convinto che è una questione che forse deve e dovrà essere discussa seriamente nel dibattito politico e sociale del nostro Paese.

Credo che i simboli della Repubblica e dello Stato italiano siano unici e insostituibili. Chiunque tenti di sostituirli o modificarli con altri più specificamente di partito o di movimento, si affida a gesti gravi e irrispettosi nei confronti delle istituzioni democratiche.

Il Presidente Napolitano è stato fermo e deciso nel ribadire l’importanza e l’insostituibilità dei simboli repubblicani, comportandosi da Capo dello Stato e da garante della Costituzione.

Non penso che l’esperienza di Adro possa essere ridimensionata, indipendentemente dall’epilogo finale, poiché rimane la sostanza dell’atto, in particolare nei luoghi (la scuola) in cui esso è stato compiuto. 

Per i miei figli e per le nuove generazioni, la presenza di Napolitano costituisce una sicurezza per la democrazia e per lo stato repubblicano.

 Altri no. Sono una minaccia.

 Io oggi preferisco Napolitano e il tricolore.

 Roberto De Donno

 

Categoria: Editoriali - 4 Commenti »


Segnala questo articolo ad un amico Segnala questo articolo ad un amico | Stampa questa pagina

4 Risposte a: “NAPOLITANO E IL TRICOLORE”

  1. patrizia scrive:
    30 settembre 2010 ore 10:49

    Per difendere il tricolore occorrono tante bene cose…

  2. patrizia scrive:
    30 settembre 2010 ore 10:50

    anzi per difendere il tricolore cosa proponi e in quali settori?

  3. Lory scrive:
    30 settembre 2010 ore 11:26

    Sono in totale accordo con quanto hai scritto. E’ proprio questo che manca alle nuove generazioni. L’amore per la propria Patria. Non sanno cosa vuol dire ed il caso di Adro non glielo insegna certo!

  4. Antonio scrive:
    4 novembre 2011 ore 12:25

    Buongiorno prof!
    sono pienamente d’accordo con Lei ma ho una considerazione da fare: io nn credo che un presidente della Repubblica debba essere eletto da un insieme di persone (la stragrande maggiornaza nn ha una qualifica professionale) non eletti direttamente da Noi (si veda la legge elettorale in vigore) che optano per uno o l’altro SOLO per scelta politica e opportunistica; in linea generale quindi il Presidente garante della costituzione e quindi dello Stato (tutti noi) debba essere eletto direttamente dalla popolazione.
    P.s. Nap. grande persona grande uomo

Commenti

E-mail

Sito web

Pagina 1 di 11

Categorie

Banner

Newsletter

Articoli recenti

Commenti recenti

Banner